uovo.jpg

E tu che Brand Identity hai?

A cosa serve l’immagine per il tuo business? Quanto è importante avere un brand che ti rappresenta  sia online che offline?

Due domande che sembrano scontate ma sono invece fondamentali per il business di ogni azienda. Avere un marchio significa contribuire a creare e diffondere in modo efficace la propria identità che è unica e irripetibile, proprio come quella di una persona e che può anche cambiare nel tempo.

read more
Francesca MagnoniE tu che Brand Identity hai?
social_media_business.png

I social nel 2013: cosa devi assolutamente sapere

All’inizio dell’avvento dei social media, la percezione era quella di qualcosa pensata e creata per i teenagers. Dopo la scuola di corsa a casa nelle camerette per accendere i computer ed entrare in Myspace. Uno dei primi Social Network, ricordi?

La nascita di Facebook ha cambiato i giochi, facendo diventare gli studenti universitari il centro demografico dei social media. Poi arrivò Twitter e molte persone non sapevano a cosa servisse.

read more
Mariavittoria BarboniI social nel 2013: cosa devi assolutamente sapere
Risultati_di_ricerca.jpg

Analizzare i dati della Ricerca Organica con Google Analytics e Webmaster Tools.

Oggi voglio parlarvi di come leggere i dati riguardanti le ricerche organiche attraverso il traffico sulle landing page (pagina di destinazione) e Webmaster Tools.

La maggior parte delle volte, le strategie di marketing vertono sulla creazione di contenuti di alta qualità come modo per informare gli utenti riguardo il tuo prodotto e servizi. I contenuti possono avere differenti forme, dal contenuto esplicativo di uno specifico prodotto alla descrizione di un marchio specifico. Il fine ultimo della creazione di contenuti accattivanti è sempre quello di generare traffico e conversioni da differenti fonti, tra cui la ricerca organica.

read more
Mariavittoria BarboniAnalizzare i dati della Ricerca Organica con Google Analytics e Webmaster Tools.
user_test.jpg

Come ottimizzare il tuo Tasso di Conversione utilizzando il Report sul Flusso di Visitatori di Google Analytics

Sei alla ricerca di un’intuizione segreta nei report di Google Analytics per ottimizzare il tuo Tasso di Conversione (CRO, Conversion Rate Optimization)?

Il Report sul flusso di visitatori in Google Analytics è un ottimo modo per visualizzare cosa sta succedendo sul tuo sito web. Utilizzando il Report del Flusso di Visitatori hai dalla tua parte un’arma segreta per raccogliere dei dati prima di passare ad un nuovo test per ottimizzare il tasso di Converisone sul tuo sito.

read more
Mariavittoria BarboniCome ottimizzare il tuo Tasso di Conversione utilizzando il Report sul Flusso di Visitatori di Google Analytics
personalizzazione.jpg

Come le Dashboard di Google Analytics Possono Rendere la tua Vita Molto più Semplice

Nel post pubblicato qualche settimana fa “Oltre i Rapporti Standard con le Funzioni Avanzate di Google Analytics”, ti ho mostrato come è possibile creare dei rapporti avanzati con strumenti messi a disposizione da Google Analytics come i Filtri, i Segmenti, i Report e le Dashboard.

read more
Mariavittoria BarboniCome le Dashboard di Google Analytics Possono Rendere la tua Vita Molto più Semplice
marketing.jpg

Come Misurare l’Efficacia del Tuo Piano di Marketing Online

Misurare l’efficacia del tuo piano di web marketing è molto importante. Tutti i tuoi sforzi di inbound marketing e di acquisizione di contatti (lead generation) – sito web, blog, pagine di destinazione, SEO, social media e email marketing – devono essere misurati continuamente, analizzati e affinati.

read more
Mariavittoria BarboniCome Misurare l’Efficacia del Tuo Piano di Marketing Online
GOOGLE_ANALYTICS.jpg

Oltre i Rapporti Standard con le funzioni avanzate di Google Analytics

Se usi Google Analyitics, sicuramente hai familiarità con i rapporti standard che mostrano le visite, il traffico, la sorgente e le conversioni. Ma se non hai mai avuto a che fare con gli altri strumenti che Google Analytics offre, con questi suggerimenti puoi imparare ad utilizzare strumenti avanzati (ma non difficili) per avere  informazioni maggiori sul traffico verso il tuo sito. In questo post cerchiamo di capire come usare le caratteristiche aggiuntive dei rapporti standard, includendo Filtri, Segmenti Avanzati, Rapporti Personalizzati e Dashboard (e fornire alcuni metodi veloci per esportare e condividere i dati).

Visualizzazione dei  filtri in Google Analyitics.

Visualizzare i filtri consente di includere o escludere specifiche informazioni all’interno dei rapporti di Google Analytics, ad esempio concentrandosi su un sotto dominio o una directory specifica, oppure rinominando gli URL per renderli facilmente riconoscibili.

I filtri possono essere impostati in Google Analytics a livello globale (per tutti i tuoi siti – se è il tuo caso) o  solamente su un sito web.

visualizzazione_filtri

Ci sono alcune cose in merito ai filtri che devi tenere bene in mente:

  • Prima di tutto, una volta che li hai impostati, perderai i dati esclusi dai filtri fino a che tu non deciderai di spegnerli. Per esempio, se si imposta un filtro per visualizzare il traffico su una specifica sotto pagina, non visualizzerai il traffico verso la tua pagina principale.
  • Secondo, i filtri sono conosciuti per causare incoerenza nei rapporti. Quindi, stai attento a non perderti tra i vari suggerimenti!
  • Terzo, i filtri si applicano solo ai dati che vanno in avanti. Tu puoi creare un filtro e poi vedere solo da quel momento in poi lo storico dei tuoi dati con i filtri che hai applicato.

Con queste cose in mente, l’uso comune dei filtri è quello di escludere il traffico dall’indirizzo IP interno in modo da non misurare il traffico dai computer dell’ufficio o di casa. Questa è uno dei filtri predefiniti che puoi usare genericamente o per specifici profili.

Se hai più di un indirizzo IP che vuoi escludere, è possibile trovare l’espressione corretta usando lo strumento Strumento intervallo indirizzi IP.

Se passi da filtro predefinito a filtro personale, troverai una vasta gamma di opzioni che permette di filtrare in base al contenuto e al traffico, alla campagna o il gruppo di annunci, e-commerce, pubblico, utenti, eventi, mobile e social.

Al fine di creare filtri personalizzati, è necessario avere familiarità con le espressioni per creare i modelli filtro.

Ancora una volta, ricorda che qualsiasi cosa filtri, non sarà disponibile nel tuo profilo. Quindi, se hai intenzione di utilizzare filtri per qualcosa di specifico (come ad esempio un filtro per mostrare il traffico specifico proveniente dagli stati uniti) è necessario creare un profilo aggiuntivo in modo tale da avere disponibili tutti i dati se ne hai bisogno.

I Segmenti avanzati in Google Analytics.

I segmenti avanzati consentono di isolare e analizzare specifici tipi di traffico. Quando si crea un segmento avanzato, è disponibile in tutti i siti web nel tuo account. Ad esempio se si crea un segmento avanzato per visualizzare solo il traffico proveniente da Facebook, puoi utilizzarlo e vedere tutti i tuoi dati di Google Analytics in relazione ai visitatori provenienti da Facebook.

Qui, puoi vedere una lista di segmenti data di default che tu puoi scegliere. Puoi anche usare il nuovo bottone per il segmento personalizzato per creare il tuo segmento personalizzato.

Quando crei un segmento personalizzato, puoi scegliere di includere o escludere ogni metrica o dimensione con Google Analytics. Inoltre puoi fare una rapida descrizione di ognuno quando posizioni il mouse sul menù a tendina.

Strumenti_avanzati

Qui sotto, puoi osservare una lista di segmenti data di default tra cui puoi scegliere. Puoi usare “+Nuovo segmento personalizzato” per creare il tuo segmento personalizzato.

Strumento_personalizzato

Quando crei un segmento personalizzato, tu puoi scegliere di includere o escludere metriche e dimensioni all’interno di Google Analytics. Inoltre puoi avere maggiori informazioni per ognuna semplicemente passando con il mouse sul punto interrogativo.

Sorgente

Uno dei miei segmenti preferiti è il mio segmento social media.

Mentre Google Analytics ti fornisce sotto la voce Sorgenti di Traffico dati riguardanti i social come Facebook, però lascia fuori parecchi dati di nicchie di social networks, aggregando tra lori il traffico di vari siti social e blog. Con i segmenti personalizzati, oltre a visualizzare i social media che vuoi, li puoi anche confrontare tra loro e con tutto il resto del traffico.

Meglio di tutto, quando si arriva a segmenti personalizzati, è possibile utilizzare il link di condivisione accanto per condividere con altri utenti di Google Analytics. Il miglior uso per i segmenti è determinare quali strategie di marketing online guidano la maggior parte del traffico. Questo è solo una minima parte dell’uso che è possibile fare.

Se hai bisogno di alcuni segmenti personalizzati ecco alcuni esempi scaricabili:

Si può imparare molto su come utilizzare i segmenti avanzati anche dal centro assistenza di Google Analytics.

Rapporti personalizzati di Google Analytics.

Se stai cercando delle specifiche informazioni come ad esempio la pagina di destinazione che ha portato il maggior numero di conversioni in relazione ai visitatori provenienti dagli Stati Uniti, è possibile creare un rapporto personalizzato su Google Analytics.  I rapporti personalizzati possono essere creati andando su “Personalizzazione” e cliccando su “+ nuovo rapporto personalizzato”.

Rapporti personalizzati

La configurazione dei rapporti personalizzati è la seguente:

  1. Explorer: Cinque gruppi metrica con numero illimitato di metriche in ognuna e una dimensione con filtri opzionali.
  2. Tabella piatta: due dimensioni e un numero illimitato di metriche con la possibilità di inserire filtri (opzionale).
  3. Overlay mappa: livello zoom (mondo, continente, subcontinente e paese), dimensione per regione e città in base al livello di zoom e cinque gruppi di metriche con un numero limitato di metriche e filtri opzionali.

Il valore aggiunto dei rapporti personalizzati è avere la possibilità di inviare una mail su base giornaliera, settimanale, mensile o trimestrale a chi vuoi (compreso te stesso) in formato CSV, TSV, Excel o PDF.

Email

Questo è il modo migliore per aggiornare te, il tuo ufficio marketing e i tuoi clienti su tutti i dati del tuo sito web, senza dover ‘essere sempre in Google Analytics.

Inoltre, se non hai accesso all’account di Google Analytics dei tuoi clienti ma hai bisogno dei loro dati, puoi sempre creare un rapporto personalizzato all’interno del tuo account e condividerlo con loro. Per fare questo basta andare nella sezione “Panoramica” dei rapporti personalizzati e accanto al report che si desidera condividere premere su “Azioni” e scegliere l’opzione “Condividi”.

condivisione

Quando il tuo cliente entra nel suo Google Analytics, può cliccare sul link e salvare il report sul proprio account.

Poi, puoi impostare la mail del tuo cliente in modo tale che può avere accesso ai dati anche se non è all’interno del proprio account.

Hai bisogno di alcuni rapporti personalizzati per capire? Ecco alcuni esempi scaricabili:

Si può anche imparare di più su come utilizzare i report personalizzati nel Centro assistenza di Google Analytics.

La Dashboard di Google Analytics.

Per ultima cosa (ma non perché meno importante), analizziamo le Dashboard di Google Analytics. La funzionalità è molto simile ai rapporti personalizzati, ma mostrando i dati con un impatto più visivo.

Dashboard

È possibile creare fino a 20 dashboard, con 20 widget ciascuno. È possibile scegliere un rapporto “Standard” e un rapporto in “Tempo reale” con un numero variabile di metriche e dimensioni, in base al tipo di widget che si sceglie.

widget

Proprio come i rapporti personalizzati, la Dashboard può essere inviata via email, una volta o in base ad una pianificazione temporale. E’ anche possibile condividere la Dashboard personalizzata, premendo in alto a destra la voce “Condividi”.

Alcuni esempi dove trovare delle Dashboard personalizzate:

Si può anche imparare di più su come utilizzare Dashboard nel Centro assistenza di Google Analytics.

In conclusione…

Se vuoi usare Google Analytics al di là delle sue funzioni standard, sono disponibili le seguenti opzioni:

I filtri – sono un ottimo modo per includere o escludere i dati in differenti visualizzazioni del profilo. Più comunemente sono usati per filtrare traffico dal tuo indirizzo IP (computer di casa o ufficio).

Segmenti avanzati – ottimo modo per visualizzare tutti i tuoi dati in Google Analytics basati su metriche e dimensioni specifiche. Ottimi anche per confrontare il traffico con diverse metriche o dimensioni.

Rapporti personalizzati – potente strumento per analizzare e condividere i dati in Google Analaytics.

Dashboard – potente strumento per visualizzare e condividere i dati in Google Analytics.

Quali di queste funzioni messe a disposizione da Google Analytics sono più utili nel tuo business? E come possono aiutare te e i tuoi clienti?

 

Liberamente tradotto da: Going Beyond Standard Reporting with Google Analytics Filters, Segments, Reports, and Dashboards

read more
Mariavittoria BarboniOltre i Rapporti Standard con le funzioni avanzate di Google Analytics